Le Rondinelle abbattono le Streghe

post-title
Fonte Immagine: skysport.it

Il Benevento cade ancora contro il Brescia per 1-0 grazie al gol di Bianchi in pieno recupero

Nell'anticipo di Serie B il Benevento vola al Rigamonti di Brescia alla ricerca di un'identità definitiva e di una continuità importante, ma di fronte si ritrova una delle squadre più in forma. Alla fine arriva una sconfitta amara solamente al 92', che però si trascina dietro sempre più dubbi sul proseguo della stagione dei sanniti.

LA PARTITA

Inizio equilibrato, anzi, è il Benevento a mostrare più coraggio in fase offensiva nei. I sanniti ci provano subito con il mancino di Acampora dalla lunga distanza e poi con  Ayé, deviato in angolo, e infine con Lezzerini. Poco prima del quarto d'ora i padroni di casa si affaccino in avanti e non riescono a sfruttare un’ottima occasione: grande lavoro di Bertagnoli, che poi appoggia su Bisoli. Il capitano delle Rondinelle mette il pallone in mezzo e trova la testa di Moreo, ma l’attaccante spreca clamorosamente. I ragazzi di Caserta non riescono a trovare il varco giusto in avanti, arrivando spesso al tiro dalla lunga distanzam, in particolare con Karić e Acampora. Al Benevento, però, piace farsi male da solo e una frittata clamorosa dell'intero pacchetto arretrato consente a Benali di raccogliere il cross dalla destra di Karačić e di colpire di testa indisturbato, fortunatamente  Paleari salva tutto. Sul finire della prima frazione cresce in maniera evidente il Brescia per quanto riguarda il possesso palla. 

Nella ripresa si riprende da dove si era finiti, infatti il Brescia riparte subito forte con Moreo, che colpisce ancora di testa sugli sviluppi di un cross di Mangraviti dalla destra. Stavolta ci pensa Veseli, che salva Paleari. I padroni volano sugli esterni, ma i cross di Mangraviti e Karačić non trovano sbocchi. Al 64′ arriva una delle occasioni più clamorose: il neo entrato Ndoj cerca Moreo, l’attaccante  ci prova prima di testa, poi. sulla ribattuta di Paleari, ritrova il pallone, ma manca lo specchio della porta. Tre minuti dopo è Galazzi ad avere una ghiotta occasione per superare il portiere sannita in uscita dalla propria area di rigore, ma il tentativo svanisce senza troppe velleità. La prima vera occasione della Strega nella seconda frazione arriva solamente al 72′, quando sugli sviluppi di un calcio di punizione Leverbe svetta di testa e colpisce, il pallone termina sul fondo. Subentra la stanchezza da entrambe le parti e a pagarne è lo spettacolo in campo. All’85’ di nuovo Ndoj batte un pericoloso  calcio di punizione, ma Paleari è ancora bravo a neutralizzare l’occasione, nonostante una deviazione. Il quarto uomo segnala quattro minuti di recupero.

Proprio al 92' arriva il colpo del K.O. per i sanniti, con Bianchi che porta il Brescia in vantaggio con una bordata che non lascia scampo ad un incolpevole Paleari.

Il triplice fischio dell'arbitro regala alle Rondinelle una notte da soli in testa alla classifica, mentre lascia anti rimpianti per il Benevento, che però nella seconda metà è stata di fatto surclassato dagli avversari.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta