Dieci Opinioni dopo… Milan-Napoli

post-title
Fonte Immagine: ssc napoli

Gli azzurri espugnano San Siro con una vittoria sofferta. Tante le emozioni contro il Milan, tanti gli spunti nella sfida vinta 2-1 dal Napoli coi gol di Politano su rigore e Simeone. Di Giroud il gol del pareggio

Una vigilia di San Gennaro da incorniciare per il Napoli e i suoi tifosi. In quel di San Siro arriva una vittoria sofferta, ma importantissima per l'autostima e la classifica. Kvaratskhelia ormai è una carta conosciuta: manda in tilt la difesa avversaria tanto da conquistarsi un rigore trasformato (con fortuna) da Politano. Giroud trova il pari, un po' di paura c'è, poi Simeone manda in porta, di testa, il pallone della vittoria. 

 

DIECI OPINIONI

 

1) Tre punti d'oro. La vittoria in trasferta è pesantissima: anche se siamo solo agli inizi, il Napoli aggancia l'Atalanta prima in classifica e si assicura il vantaggio del successo nello scontro diretto col Milan che potrebbe essere decisivo nella classifica finale. Una vittoria che fa bene soprattutto all'ego dei ragazzi di Spalletti. 

2) Che partita! Il posticipo della settima giornata di Serie A è per i palati calcistici più esigenti: Napoli e Milan, attualmente, viaggiano su un altro livello rispetto alle dirette concorrenti. Dopo un primo tempo complicato del Napoli, per entrambe le difese non è facile contenere il talento dell'avversaria e ogni azione può rivelarsi fatale. Il Milan, forse, gioca meglio aiutato dal fattore campo. 

3) Vittoria su un campo ostile (di nuovo). Spalletti fa il bis in 5 giorni. Le trasferte di Glasgow e Milano sono davvero ostiche, le tifoserie caldissime. Gli azzurri dimostrano su entrambi i campi concentrazione e capacità di non farsi schiacciare dal tifo avversario. Che carattere ha questa squadra! 

4) Il gol di Giroud (di nuovo). Trentacinque anni e non sentirli. Tanta esperienza e tanto talento per l'attaccante di Chambéry che nell'ultimo scontro coi partenopei era andato in gol regalando una vittoria fondamentale al Milan per la corsa allo scudetto. Si ripete anche quest'anno nell'occasione del pareggio, ma questa volta l'epilogo è diverso. 

5) Il gol di Simeone. Momento d'oro per il figlio del Cholo: prima rete in Champions League, grande gara contro i Rangers e gol vittoria a San Siro. Altro che riserva! 

6) Mario Rui. Prestazione sontuosa quella del terzino portoghese. Dopo una prima fase di difficoltà nel contenere Saelemakers e Bennacer, riesce a diventare padrone della sua fascia bloccando i rossoneri lanciati in rete. Il suo cross per Simeone è disegnato col compasso. 

7) Politano. Alti e bassi per l'ex Sassuolo e Inter, però quando è in forma non lo ferma nessuno. Anche se per segnare il rigore lo assiste la fortuna e a volte non è molto preciso, il suo impatto su questa prima parte di campionato è decisivo. Lozano, per ora, dovrà farsene una ragione. Un errore però, nel sostituirlo, inserire un impreparato Zerbin invece del messicano. 

8) Finalmente Meret. Una difficilissima estate, con le valigie pronte, senza fiducia, senza autostima. Non riuscire a prendere Navas è stato un vero peccato, sembrava quasi una tragedia guardando il Meret dello scorso campionato. Eppure il giovane portiere non si è fatto scalfire da tutto ciò, lavorando sodo e a testa bassa. La sua rivincita arriva presto con una serata in cui il Napoli riesce a tenere la porta blindata grazie alle sue parate. Decisiva quella nel primo tempo su Giroud con l'aiuto della traversa e quella nel secondo tempo su Messias, dove Meret fa un vero miracolo. 

9) Tra sacro e profano. Parlando di miracoli, il pensiero oggi va proprio a San Gennaro. Già, perché il Napoli all'86' rischia grosso con Kalulu che, imbeccato da Theo Hernandez, solo davanti a Meret prende una traversa clamorosa. 

10) Nazionapoli. Dopo 7 giornate di campionato, arriva dunque la prima pausa della stagione 2022/2023. Chiamarla pausa sembra quasi un contraddizione, tantissimi saranno gli azzurri impegnati con le loro nazionali. Solo con l'Italia, il Napoli può contare 6 tesserati impegnati nelle sfide con Ungheria e Inghilterra.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta