Domenichini: "Siamo una squadra giovane, dobbiamo lavorare tanto"

post-title
Fonte Immagine: siamoilnapoli.it

Le parole di Domenichini nel post partita.

Il Napoli espugna San Siro battendo per 2-1 il Milan. Nel post partita non c'è Spalletti, squalificato, ma il vice Domenichini. Ecco le sue parole.

In base a cosa scegliete tra Raspadori e Simeone? "Raspadori è uno da palleggio, viene incontro, è bravo a smistare. Invece Simeone attacca più la profondità, va a pressare. Il mister ha ritenuto oggi di giocare con Raspadori perché voleva fare più palleggio, specie all'inizio, anche se poi non ci siamo riusciti. Sono due calciatori importanti, possono essere determinanti anche se non giocano dall'inizio".

Da dov'è nata l'idea di mettere Zerbin e non Lozano? "Zerbin ha dimostrato che può fare molto bene. E' un giocatore a tutta fascia, sa anche difendere e avevamo bisogno anche di copertura. Loro poi giocavano coi trequarti lì, bisognava scambiarsi la posizione. Abbiamo preferito far entrare Zerbin, senza nulla togliere agli altri".

Cos'ha detto Spalletti a fine partita? "Ce l'aveva con qualche giocatore che non aveva fatto quello che voleva fare. Era contento, ma rimproverava determinate cose che secondo lui avevano sbagliato".

Ci sono squadre più forte di voi in Serie A? "Sicuramente ci saranno. Noi giochiamo ogni domenica per fare il massimo, poi pian piano vediamo cosa si può fare. Sicuramente stiamo facendo bene, ma siamo una squadra giovane e bisogna lavorare tanto. Ci sono anche parecchi nuovi".

State scoprendo qualche calciatore leader dopo averne persi tanti? "Anguissa è riuscito a tirar fuori quel qualcosa in più da trasmettere alla squadra. La crescita però è generale, quel qualcosa in più lo stanno dando tutti e si riesce a compensare la personalità che abbiamo perso".


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta